L’uomo rende personale la distruzione ambientale in quanto sa perfettamente che, in tempi di pandemia, un guanto monouso gettato sul territorio personale resta infetto almeno per tre giorni.

Un racconto degli istanti, narrato dall’insieme delle percezioni che mutano continuamente. Esse divengono lentamente più sottili da cogliere, al punto di confonderle. 

L’uomo diviene nuovamente la causa per il quale tutto il meccanismo istituzionale si muove.

First Episode of real Street Photography POV session in my city, Sarno (SA)
Raffaele Izzo
Photographer